decreto-clima

APPROVATO IL DECRETO CLIMA

APPROVATO IL DECRETO CLIMA: PARTE IL “GREEN NEW DEAL”

Il Consiglio dei Ministri, in data 10 ottobre 2019, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare Sergio Costa, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per il rispetto degli obblighi previsti dalla direttiva 2008/50/CE per la qualità dell’aria.

Il Decreto clima, o Grene New Deal è il primo passo dell’Italia verso il “Green new deal”, un piano internazionale che mira ad incentivare proposte verdi e limitare gli impatti ambientali derivanti dalle attività che svolgiamo nella vita quotidiana. All’interno del testo definitivo sono programmate una serie di azioni multilivello atte a coinvolgere tutti, che siano esercenti, Comuni o soggetti privati.

Volendo entrare nel dettaglio della norma possiamo leggere che è stato istituito un fondo di 20 milioni di euro per esercenti che dimostreranno di aver allestito spazi dedicati alla vendita di alimentari e detergenti sfusi. Questi, infatti, potranno beneficiare di un contributo economico fino a 5.000 euro per le spese sostenute a patto che i contenitori forniti non siano monouso.

I Comuni che avvieranno progetti Green potranno accedere ad una serie di finanziamenti, nello specifico sono stati stanziati 40 milioni di euro per progetti di miglioramento, prolungamento o creazione di corsie preferenziali per il trasporto pubblico locale ed ulteriori 20 milioni di euro per implementare trasporti scolastici con mezzi di trasporto elettrici o ibridi. La creazione di foreste metropolitane e le iniziative atte a sensibilizzare lo sviluppo sostenibile e la tutela dell’ambiente sono finanziate con ulteriori 30 milioni di euro

Per quanto riguarda i soggetti che risiedono nelle aree sottoposte a procedure di infrazione Ue per il superamento delle soglie di inquinamento possono accedere ad un Buono mobilitàcheprevede 1.500 euro per chi rottama entro il 31 dicembre 2021 un’auto omologata fino alla classe Euro 3 o 500 euro per chi rottama motocicli omologati fino alla classe Euro 2 ed Euro 3 a due tempi. Il buono mobilità può essere utilizzato entro tre anni per l’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico locale o regionale o di altri servizi integrati, oppure per l’acquisto di biciclette a pedalata assistita. 

l’Ispra, l’Istituto superiore per la ricerca ambientale di cui si avvale il ministero dell’Ambiente, realizzerà un database pubblico, grazie a una dotazione di un milione e mezzo di euro, per la trasparenza dei dati ambientali.

Il costo complessivo della manovra si aggirerebbe sui di 450 milioni di euro che dovrebbero essere resi disponibili tramite i proventi delle aste verdi. Il Ministro Costa ha infatti dichiarato che “Si tratta di fondi rigenerabili perché ogni anno ce ne sono sempre di più da mettere a disposizione, quindi le misure si autofinanzieranno negli anni e se il provvedimento gira, le risorse possono crescere come finanziamento in modo automatico. Dalle analisi e previsioni che abbiamo fatto dovrebbe girare bene”.

Approfindisci: ISO 50001

Approfondisci: ISO 14001

Approfondisci: Decreto CLIMA – Gazzetta

Dott. GERARDO MAZZOTTA

Chiama
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: