Lavora con noi

My Qualifica
Accedi/Registrati

Stai visualizzando:

/ISO 22000

ISO 22000

LA norma ISO 22000

LA NORMA ISO 22000

La UNI EN ISO 22000 o per essere più precisi la UNI EN ISO 22000:2018  è la norma internazionale e volontaria pubblicata dall’ISO (International Organization Standardization) che definisce quali requisiti deve possedere un sistema di gestione per la sicurezza alimentare.

La Norma UNI EN ISO 22000:2018 entrata in vigore il 19/07/2018 sostituisce la UNI EN ISO 22000:2005, entrata in vigore il 17 Novembre 2005.  

La UNI EN ISO 22000:2018 è suddivisa in 10 Capitoli, di questi i primi tre sono di carattere introduttivo, mentre i successivi sette Capitoli definiscono concretamente i requisiti relativi al Sistema di Gestione di sicurezza alimentare per fornire alimenti sicuri e prodotti e servizi che soddisfino le normative vigenti e i requisiti richiesti dal Cliente.

Capitoli 4 – Contesto dell’Organizzazione

In questo capitolo l’impresa deve comprendere il contesto in cui opera considerando fattori interni ed esterni che possano influenzare le proprie capacità di raggiungere il risultato atteso e meglio determinare il proprio campo di applicazione del Sistema di Gestione di Sicurezza Alimentare (SGSA).  

Capitolo 5 – Leadership 

In questo capitolo si dimostra il proprio impegno nei riguardi del Sistema di Gestione di Sicurezza Alimentare SGSA stabilendo una Politica per la Sicurezza Alimentare (SA) comunicata, compresa, applicata e resa disponibile alle parti interessate.

Assicura le responsabilità, i ruoli, le competenze, la formazione per garantire l’efficacia e l’idoneità del Sistema di Gestione di Sicurezza Alimentare (SGSA).

Assicura che tutti i dipendenti hanno le competenze e la responsabilità di segnalare qualsiasi problema in relazione alla SGSA ai preposti della Sicurezza Alimentare.

Capitolo 6 – Pianificazione

In questo capitolo si considerano tutti i rischi e le opportunità che è necessario affrontare.

Prevenire e/o ridurre gli effetti indesiderati e le azioni intraprese che possono comprendere nuove opportunità come la modifica di prodotti e processi utilizzando nuove tecnologie e fissando obiettivi di gestione per la sicurezza alimentare, pianificare e monitorare il loro raggiungimento.

Capitolo 7 – Supporto

In questo Capitolo l’organizzazione deve assicurare il numero di persone e competenze adeguate per garantire il miglioramento continuo del Sistema di Gestione di Sicurezza Alimentare (SGSA).

  • Deve garantire, gestire e mantenere una Infrastruttura e un ambiente di lavoro adeguato al raggiungimento della conformità del Sistema di Gestione di Sicurezza Alimentare;
  • Deve controllare i Processi, i Prodotti e Servizi acquisiti dall’esterno;
  • Deve assicurare che le comunicazioni interne ed esterne siano pertinenti al Sistema di Gestione di Sicurezza Alimentare (SGSA) e rispondono alle domande (Who, What, Where, When, How).
Capitolo 8 – Attività Operative

In questo capitolo sono definiti I programmi di prerequisiti (PRP) per facilitare e prevenire tutti i pericoli per la sicurezza alimentare in ogni fase della filiera:

  • Viene implementato un sistema per la rintracciabilità del prodotto e materiali utilizzati per la produzione e commercializzazione del prodotto e simulato un test di verifica rintracciabilità per verificare l’efficacia del ritiro/richiamo del prodotto
  • Viene implementato un sistema di preparazione e risposta all’emergenza e agli incidenti
  • Sono definite le caratteristiche dei prodotti, il flow-chart per definire i processi e condurre l’analisi dei pericoli per la Sicurezza Alimentare (SA), la valutazione degli stessi e definizione dei limiti critici e i criteri di azione misurabili
  • Viene attuata la gestione dei prodotti potenzialmente pericolosi con la valutazione e destinazione degli stessi e una procedura di ritiro e richiamo del prodotto dal mercato
  • Viene implementato un sistema di rilascio prodotto sicuro
Capitolo 9 – Valutazioni delle Prestazioni

L’organizzazione deve monitorare, misurare, analizzare e valutare il SGSA per assicurare la continua idoneità, adeguatezza ed efficacia.

Capitolo 10 – Miglioramento

La Leadership deve assicurare il miglioramento continuo e l’efficacia del Sistema di Sicurezza Alimentare.

A CHI è RIVOLTA LA ISO 22000

A chi è rivolta la ISO 22000

La UNI EN ISO 22000:2018 è rivolta a qualsiasi organizzazione che desideri gestire e monitorare i propri prodotti garantendo la sicurezza della filiera alimentare in tutte le fasi di processo dal campo al consumatore finale. 

La norma è applicabile su base volontaria dagli operatori del settore agroalimentare per la gestione della sicurezza alimentare, indipendentemente dalle dimensioni o dal settore.

la proposta

la proposta

Qualifica Group forte della propria esperienza di consulenza maturata nel settore Agroalimentare, offre un servizio di Consulenza efficace ed esaustivo a fronte della norma UNI EN ISO 22000:2018 e dimostra il vostro impegno nei requisiti per la Gestione del Sistema per la sicurezza alimentare nella Filiera Alimentare e Mangimistica con l’implementazione di un Sistema di Gestione con Manuale, Procedure, Istruzioni Operative, Normative cogenti, formazione del personale in grado di dimostrare le proprie competenze e responsabilità del Sistema di Gestione di Sicurezza Alimentare (SGSA).

i vantaggi

i vantaggi

La norma ISO 22000 consente alle aziende di:

  1. Realizzare e rendere operativo un sistema di gestione della sicurezza agroalimentare
  2. Comprendere e identificare i rischi effettivi ai quali sono potenzialmente esposti sia l’azienda sia i consumatori e considerare ed attuare le opportunità che ne derivano; in una visuale di continuo miglioramento
  3. Realizzare strumenti per misurare, monitorare e ottimizzare efficacemente tutte le performance relative alla sicurezza agroalimentare
  4. Rispettare i vincoli imposti dalla legislazione
  5. Avere maggior vantaggio competitivo sul mercato ed in particolare sulle GDO e nelle procedure pubbliche 

La certificazione secondo la norma ISO 22000 è anche una buona occasione per comunicare con tutti gli stakeholder e dimostrare l’impegno dell’azienda sui temi della sicurezza alimentare

Potrebbe interessarti anche

divisore

Contattaci

Credito d’imposta fino al 50% per acquisto beni per un massimo di 2,5 milioni di euro