ISO 9001 – Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità

La Norma

La Norma

La UNI EN ISO 9001 è la norma internazionale e volontaria per i Sistemi di Gestione per la Qualità (SGQ), pubblicata dall’ISO (International Organization for Standardization) che definisce i requisiti essenziali per creare, implementare e gestire un Sistema di Gestione all’interno di un’organizzazione.

Nella sua ultima versione del 2015, vengono introdotti nuovi concetti come l’analisi del contesto e l’analisi dei rischi e viene data ancora maggiore enfasi alla “soddisfazione del cliente” e al “miglioramento continuo” raggiungibile attraverso un sistema di gestione efficiente che possa garantire:

  1. Un alto livello di qualità del prodotto/servizio
  2. Un approccio per processi
  3. Un controllo continuo sui fornitori;
  4. Una reperibilità di documenti/dati


La UNI EN ISO 9001:2015 è suddivisa in dieci sezioni, rispetto alle precedenti 8, di cui le prime tre sono di carattere introduttivo, mentre le successive sette sezioni definiscono concretamente i requisiti relativi al Sistema di Gestione della Qualità e rappresentano il “cuore” della norma:

Sezione 4 – Contesto dell’organizzazione 

Questa sezione definisce i requisiti che un’organizzazione deve possedere per identificare i problemi interni ed esterni, identificare le parti interessate e le loro aspettative, definire lo scopo del SGQ e identificare i processi e il modo in cui questi interagiscono.

Sezione 5 – Leadership

I requisiti di leadership riguardano l’Alta Direzione. L’Alta Direzione deve dimostrare l’impegno effettivo all’implementazione del SGQ garantendo l’attenzione al cliente, definendo e comunicando la politica per la qualità e assegnando ruoli e responsabilità all’interno dell’organizzazione.

Sezione 6 – Pianificazione

L’Alta Direzione deve pianificare il funzionamento continuo del SGQ.  È necessario valutare i rischi e le opportunità del SGQ all’interno dell’organizzazione e identificare gli obiettivi per il miglioramento della qualità e le azioni per conseguire tali obiettivi.

Sezione 7 – Supporto

Riguarda la gestione e il controllo di tutte le risorse all’interno dell’organizzazione sia esse intese come risorse umane, come infrastrutture, come ambiente di lavoro etc.

La sezione include inoltre i requisiti relativi alla competenza, consapevolezza, comunicazione e controllo delle informazioni documentate (i documenti e le registrazioni richiesti per i processi).

Sezione 8 – Funzionamento 

Questa sezione contiene i requisiti relativi alla pianificazione, al riesame dei requisiti del prodotto/servizio, alla progettazione, al controllo dei fornitori esterni, alla creazione e alla distribuzione del prodotto o del servizio e al controllo dei risultati non conformi dei processi.

Sezione 9 – Valutazione delle prestazioni

Questa sezione include i requisiti necessari per assicurare che l’organizzazione monitori il corretto funzionamento del tuo SGQ. Tali requisiti comprendono la misurazione dei processi, la valutazione della soddisfazione del cliente, gli audit interni e il riesame del SGQ da parte della Direzione.

Sezione 10 – Miglioramento

Quest’ultima sezione si basa sul ciclo PDCA (Plan-Do-Check-Act) e include i requisiti necessari per il continuo miglioramento del SGQ e include la necessità di valutare le non conformità di processo e l’adozione di azioni correttive relative ai processi.

A chi è rivolta

A chi è rivolta

La UNI EN ISO 9001 è lo standard internazionale più conosciuto e applicato da qualsiasi tipo di organizzazione sia pubblica che privata, essendo una norma applicabile a tutte le realtà aziendali senza distinzione di dimensione o di settore di appartenenza.

la proposta

la proposta

Qualifica Group s.r.l. sarà lieta di accompagnare e sostenere le aziende durante il percorso della implementazione e certificazione dei Sistemi di Gestione secondo la norma UNI EN ISO 9001:2015 mediante una consulenza “cucita” sulle sue richieste, garantendo:

  1. uno sviluppo ed una crescita dell’organizzazione interna;
  2. un miglioramento delle prestazioni del capitale umano;
  3. una riduzione degli sprechi e dei costi di gestione.

Di seguito illustreremo quelle che sono le fasi principali che percorreremo per portare all’azienda alla certificazione ISO 9001.

  • Incontro con i principali referenti dell’azienda per eseguire un check-up aziendale: in tale incontro si acquisiranno i dati interni aziendali attraverso interviste ai dirigenti aziendali, ai responsabili di settore nonché si reperirà la documentazione aziendale necessaria
  • Rilevazione di eventuali difformità tra quanto applicato in azienda rispetto a quanto previsto nella norma UNI EN ISO 9001:2015 e rispetto alla cogenza normativa di settore (sicurezza 81/08, sicurezza dei dati etc.)
  • Stabilire ruoli e allocare risorse laddove la fase precedente abbia fatto emergere lacune o necessità
  • Pianificare mediante l’analisi del contesto, dei rischi e delle opportunità e sviluppare un programma di miglioramento
  • Stabilire la Politica della Qualità
  • Preparare i flussi dei processi
  • Preparare tutta la documentazione ritenuta necessaria per attuare un SGQ efficace per la Vostra Organizzazione
  • Formare le persone sulla normativa ISO 9001:2015
  • Implementare quanto elaborato alla realtà aziendale
  • Monitorare il programma di miglioramento
  • Effettuare il primo audit interno e riesaminare le performance aziendali con la Direzione
  • Individuare l’Ente di Certificazione più adatto alle esigenze di certificazione
  • Supporto durante la visita dell’Ente di Certificazione
  • Chiusura di eventuali NC
  • Interfaccia con l’ente per monitorare lo stato di emissione del certificato
  • Supporto al Mantenimento della certificazione per gli anni successivi

i vantaggi

i vantaggi

  • Migliorare della credibilità e dell’immagine sul mercato La UNI EN ISO 9001:2015 essendo una norma riconosciuta a livello internazionale è la base su cui far riferimento in tutto il mondo per la realizzazione efficiente di sistemi di gestione. Di conseguenza avere un sistema di gestione conforme e certificato alla UNI EN ISO 9001:2015 significa dare maggiori garanzie al cliente finale sulla qualità del servizio/prodotto e avere maggiori possibilità di divenire “fornitore qualificato” di aziende leader sul mercato. Conseguire la certificazione ISO 9001 può essere non solo un potente strumento di marketing ma anche uno strumento per aumentare i profitti
  • Migliorare la soddisfazione dei clienti – Uno dei principi chiave della ISO 9001 è la soddisfazione del cliente: individuando e soddisfacendo le richieste e i bisogni dei clienti si garantisce per l’azienda il mantenimento dei clienti: un cliente soddisfatto è un cliente fidelizzato
  • Completa integrazione dei processi – Usando l’approccio per processi della ISO 9001, si prendono in considerazione non solo i singoli processi nella propria organizzazione, ma anche le loro interazioni. Così facendo, è più facile identificare le aree da migliorare e eliminare gli sprechi o gli errori che si verificano tra un processo ad un altro risparmiando costi e tempi
  • Creare una cultura di miglioramento continuo – Con il miglioramento continuo come principale output dell’SGQ, si raggiungono risultati sempre maggiori in termini di risparmio di tempo, denaro e risorse
  • Coinvolgere le persone – Concentrando l’impegno della forza lavoro, oltre che sul mantenimento, anche sul miglioramento dei processi, il personale sarà più coinvolto nei risultati dell’organizzazione
  • Maggiore accesso a gare pubblicheLe stazioni appaltanti sono solitamente orientate a prediligere quelle imprese che possiedono una certificazione di qualità come la ISO 9001 e/o altre come la ISO 14001 e la ISO 45001. Le imprese che si sviluppano seguendo i requisiti tecnici della certificazione ISO 9001 sono in grado di operare in modo più professionale e con una maggior capacità di pianificazione
  • Riduzione dei controlli e facilitazioni nell’ottenimento di autorizzazioni amministrative.
  • Riduzione delle polizze assicurative al 50% – L’art. 93 del D.lgs. 50/2016 istituisce un sistema premiante per le organizzazioni che implementano sistemi di certificazioni: è possibile ottenere la riduzione della garanzia fideiussoria sino al 50% per il possesso della ISO 9001..
  • Rilascio dell’attestazione SOA  D. lgs 163/2006, principale fonte normativa in materia di Appalti Pubblici, impone alle imprese di costruzione interessate ad eseguire lavori commissionati da Enti Pubblici, di conseguire obbligatoriamente l’attestazione SOA. L’attestazione SOA, infatti, abilita l’impresa a concorrere a gare d’appalto con base d’asta superiore a 619.000,00 euro, ma solo a condizione che questa si dimostri in possesso della Certificazione ISO 9001. Le Società Organismi di Attestazione, quindi, prima di rilasciare tale attestazione, dovranno verificare non solo i requisiti elencati dalla normativa vigente in materia di Contratti Pubblici di Lavori, ma anche la rispondenza alla normativa ISO 9001, ossia il possesso della Certificazione del Sistema di Qualità aziendale. Da ciò deriva che la certificazione UNI EN ISO 9001 da volontaria diventa obbligatoria.
  • OTTENIMENTO DELL’ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE – L’obbligo di conseguimento della Certificazione di Qualità vige anche ai fini dell’accreditamento delle strutture sanitarie. Infatti, la normativa in materia sanitaria allo scopo di garantire la qualità dell’assistenza sanitaria a tutti i cittadini, stabilisce che tutte le Regioni devono obbligatoriamente introdurre ed utilizzare sistemi che possano monitorare e verificare la qualità delle prestazioni e dei servizi. In sintesi, si rende quindi obbligatoria la Certificazione di Qualità ISO 9001 anche alle strutture sanitarie che vogliono accreditarsi.

Potrebbe interessarti anche

divisore

Contattaci

Credito d’imposta fino al 50% per acquisto beni per un massimo di 2,5 milioni di euro

CALCOLO CREDITO D’IMPOSTA - FORMAZIONE 4.0

Il Valore elaborato dalla presente procedura ha valore puramente indicativo e orientativo.**

Campi obbligatori*

per una corretta valutazione contattaci**

Costituiscono in particolare attività ammissibili al credito d’imposta le attività di formazione concernenti le seguenti tecnologie: