MARCA TEMPORALE E PROCEDURE TELEMATICHE

IN UNA PROCEDURA TELEMATICA LA PRESENTAZIONE DI UN FILE DELL’OFFERTA PRIVO DELLA MARCATURA TEMPORALE NON PUO’ ESSERE OGGETTO DI SOCCORSO ISTRUTTORIO-TAR BASILICATA, POTENZA, SEZ. I, SENTENZA DEL 11 OTTOBRE 2019 N. 746

La marcatura temporale “è il risultato di una procedura informatica che consente di dare certezza all’ora ed al minuto di chiusura dell’offerta”. Una volta apposta ad un’offerta economica la marcatura temporale, identificata da un apposito numero di serie, risulta garantita la certezza del tempo entro cui l’offerta è stata redatta, anche se il file dell’offerta economica viene inviato dopo l’esame della documentazione amministrativa e delle offerte tecniche, entro il termine successivamente indicato dalla stazione appaltante, la quale verifica la corrispondenza del numero di serie di marcatura temporale con quello, comunicato dagli offerenti entro il termine perentorio prestabilito dalla lex specialis di gara, in quanto con la predetta coincidenza del numero di serie di marcatura temporale vi è l’assoluta certezza che l’offerta, formulata entro il termine perentorio prestabilito dalla lex specialis di gara, non è stata successivamente modificata.

Senza l’invio del numero di serie di marcatura temporale entro il termine perentorio prestabilito dalla lex specialis di gara, i partecipanti ad una gara di appalto potrebbero redigere più offerte economiche entro il predetto termine e scegliere quale offerta trasmettere alla stazione appaltante dopo l’esame della documentazione amministrativa e delle offerte tecniche. In caso di presentazione di un file offerta privo di marcatura non è possibile attivare il soccorso istruttorio ex art.83 del D.Lgs.n.50/2016, in quanto la marcatura temporale è un elemento costitutivo dell’offerta telematica

Vuoi conoscere altro sul servizio di Avvalimento, iscrizione MePa o sul servizio Gare d’Appalto ? Chiamaci !

numero verde 800 131 738
Chiama
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: