Lavora con noi

My Qualifica
Accedi/Registrati

Stai visualizzando:

/Albo Gestore Ambientali

Albo Gestore Ambientali

RICHIEDI UN PREVENTIVO

la norma

la norma

L’iscrizione all’Albo Gestori Ambientali è requisito necessario per lo svolgimento delle attività di raccolta e trasporto di rifiuti, di bonifica dei siti, di bonifica dei beni contenenti amianto, di commercio ed intermediazione dei rifiuti senza detenzione degli stessi.

In funzione della categoria di riferimento, occorre dimostrare determinati requisiti al fine di poter portare a compimento l’iter di iscrizione, garantendo l’accettazione della stessa da parte dell’albo.

L’iscrizione all’Albo Gestori Ambientali è obbligatoria per tutte le aziende che si occupano di raccolta e trasporto rifiuti, che svolgono attività di bonifica dei siti, di bonifica amianto e di intermediazione e commercio dei rifiuti senza detenzione dei rifiuti stessi. L’Albo Gestori Ambientali, disciplinato dal D.M. 120/2014, definisce le procedure per lo svolgimento delle attività legate alle rispettive categorie (dalla n. 1 alla n. 10, comprese le sottocategorie 4-bis e 2-ter).

la NOSTRA PROPOSTA

LA NOSTRA PROPOSTA

Qualifica Group garantisce assistenza tecnica nell’iter di iscrizione nelle categorie previste (in procedure semplificate e/o ordinarie) o per il rinnovo/variazione modifiche, rinnovi, cessioni e trasferimenti aziendali delle stesse, oltre ad inserimento veicoli ed inserimento codici CER. Qualifica Group, inoltre, assiste il cliente durante la presentazione e discussione con l’Albo Gestori Ambientali.

Sanzioni

Sanzioni

Ai sensi dell’articolo 256 del D.Lgs. 152/2006 si dispone, al comma 1, che tutti i soggetti che rientrano nelle categorie di cui sopra, in mancanza della prescritta autorizzazione, iscrizione o comunicazione sono puniti con la pena dell’arresto da tre mesi a un anno o con l’ammenda da duemilaseicento 2.600,00 € a ventiseimila 26.000,00 € se si tratta di rifiuti non pericolosi. Per rifiuti pericolosi, invece, la pena aumenta con l’arresto da sei mesi a due anni e con l’ammenda da 2.600,00 € a ventiseimila 26.000,00 € se si tratta di rifiuti pericolosi.

Potrebbe interessarti anche

Contattaci

Credito d’imposta fino al 50% per acquisto beni per un massimo di 2,5 milioni di euro